martedì, 4 Agosto 2020

Reti ferroviarie più sicure con i sensori di profilo 2D/3D wenglor

Garantire la sicurezza delle reti ferroviarie e quindi di passeggeri e lavoratori è un fattore imprescindibile e di estrema importanza. Per farlo, sono necessari interventi di manutenzione costanti e regolari. Per svolgere questi servizi in modo affidabile e sicuro, gli operatori di rete si devono affidare alla migliore tecnologia disponibile, come i sensori weCat3D di wenglor sensoric, dispositivi che consentono di rilevare profili 2D/3D con precisione micrometrica.

Per ricreare modelli 3D precisi di quanto sottoposto al loro controllo, i sensori weCat3D sfruttano il principio della triangolazione laser. Durante la misurazione viene generata una nuvola di punti che, rielaborata via software, consente di ricostruire un accurato modello 3D, che restituisce tutte le informazioni sulle condizioni delle superfici sottoposte a rilevamento: binari, massicciate e ruote. I sensori weCat3D possono operare anche su treni in movimento, essendo in grado di effettuare misurazioni ad una frequenza di 6.000 Hz con una risoluzione massima di 2,0 µm lungo l’asse Z.

Le rilevazioni effettuate tramite questo metodo hanno una doppia utilità: innanzitutto individuano esattamente i punti dove è necessario effettuare interventi mirati; inoltre, con un secondo rilevamento, è possibile fornire la prova dell’avvenuta manutenzione. I sensori possono essere montati su più tipologie di vetture: sui classici carri gialli di manutenzione della rete, ai lati della massicciata per rilevare i profili di usura delle ruote, e addirittura sui treni ad alta velocità.

Oltre ai sensori, il sistema di rilevamento si compone di un software di elaborazione che risiede su un IPC (PC Industriale) il quale riceve i dati tramite interfacce di comunicazione standard. Per quanto riguarda l’applicativo, agli utenti è lasciata la più ampia libertà di scelta: può essere impiegato LabView così come Matrox Imaging, con la possibilità di utilizzare anche le librerie di elaborazione delle immagini HALCON. In alternativa, è possibile sviluppare un proprio software applicativo mediante un SDK (Software Development Kit) che viene offerto da wenglor gratuitamente insieme ai sensori. Di norma, i parametri relativi al modello 3D ricostruito sotto forma di nuvola di punti vengono resi disponibili ad un PLC di livello superiore, al quale vengono poi affidati ulteriori azioni.

Sensori di profilo 2D/3D weCat dotati di sorgente laser fino alla classe 3B con lunghezza d’onda di 450 nm e risultano insensibili alle variazioni di luce esterna

Queste le principali caratteristiche dei sensori weCat3D

  • Modulo di integrazione GigE Vision standard
  • Vasta libreria di programmi per collegamenti a software esterni
  • Kit di sviluppo (SDK) scaricabile gratuitamente
  • Comunicazioni RS422 – encoder TTL e HTL
  • Interfaccia Ethernet TCP/IP 100 Mbit/s – 1 Gbit/s
  • Semplicità di configurazione con funzione di memorizzazione
  • Disponibilità di due serie: MLSL e MLWL – 4 classi laser selezionabili: 1, 2M, 3R, 3B
  • 16 diversi campi di misurazione
  • Algoritmi ottimizzati anche per superfici nere e lucide
  • Da 3,6 a 12 milioni di punti al secondo
  • Elaborazione del segnale in tempo reale tramite la tecnologia FPGA integrata
  • Web server integrato per operazioni di configurazione e analisi
  • Elevata affidabilità in caso di variazioni di colore e luce ambientale
  • CPU integrata senza necessità di controller aggiuntivo
  • Display OLED

Ultime News

CSV Life Science: i frutti di una visione globale

Il Gruppo CSV Life Science ha attraversato l’emergenza sanitaria senza diminuire la propria attività e ponendo le basi per l’ulteriore crescita delle proprie aziende, che insieme formano un partner completo per l’industria farmaceutica:

ICF – Rivista dell’industria chimica e farmaceutica N°3 Giugno/Luglio 2020

.embed-container { position: relative; padding-bottom:56.25%; height:0; overflow: hidden; max-width: 100%; } .embed-container iframe, .embed-container object, .embed-container embed { position: absolute; top: 0; left: 0;...

Sick: encoder lineari assoluti in versione safety

Posizione e velocità sono due variabili fondamentali che devono essere controllate con la massima precisione in qualsiasi macchina industriale. Dai motori lineari ai robot...

Ifm: un sensore 3D, tanti processi produttivi

Il sensore 3D O3D di ifm con tecnologia PMD rileva scene e oggetti in modo rapido e tridimensionale ed è adatto a differenti processi...

Terranova: la strumentazione made in Italy per il processo

Terranova® Srl, con sede a Terranova Passerini (Lodi), è un Gruppo che riunisce tre storici marchi italiani di strumentazione di processo: Spriano®, Valcom® e Mec-Rela®.

Articoli Correlati